Juventus

JuventusOra di pranzo in Canada. Al lavoro come uno scemo. Mi sono svegliato presto anche, e soprattutto, per sentire e dare occhiate di sfuggita alle partite in streaming. Non so perche’ (sara’ la mia depressione latente che mi fa appassionare piu’  alle cose degli altri che alle mie…) cerco di beccare il match dell’ASRoma. Missione fallita. Il massimo e’ la ripresa dal telefonino (non sto scherzando…) dello schermo della TV di un buontempone tedesco. Non se po fa. Allora? E allora diamo uno sguardo alla mia Juve.
Santa vergine. Un disastro. Perdiamo con il Chievo 1 a 0. Non solo. Ci stiamo facendo menare dal Chievo (c’e’ un tale Granoche in campo che dovrebbe essere denunciato alla Corte dell’Aja, ne fa fuori almeno tre dei nostri). Non un tiro in porta. Affannati. Confusionari. Melodrammatici. Sono perplesso. 
Continuo a lavorare. Continuo a sentire la telecronaca in cui la squadra sembra evidentemente allo sbando. Mi tornano in mente le polemiche lette di sfuggita (ci sono cose piu’ importanti a cui dare importanza, converrete…) su tifosi che ululano, contestano e non capisco.
Non capisco perche’ la Dirigenza non possa fare semplicemente come e’ stato fatto in passato tante volte. Cioe’ silenzio, programmazione ed investimenti a lungo termine sui giocatori. E poi si vedra’.
Cioe’ noi non siamo la Roma. Noi non siamo l’Inter (che adesso e’ come eravamo noi un po’ di anni fa ma lasciamo perdere…). Non abbiamo una tifoseria enorme e malata di protagonismo da tollerare (la Juventus e’ un caso piu’ unico che raro di tifoseria "sparpagliata", ieri leggevo un intervista a Cossiga in cui diceva "sono sardo e quindi Juventino…", se questa cosa ha senso per voi…). Nessuno (dotato di un cervello funzionante ovviamente…) ha mai chiesto alla nostra dirigenza di recuperare, in tre anni, il gap (ENORME…) che ci divide dagli interisti. Ricordiamoci che, negli anni 60, mentre l’Inter ed il Milan ci sbertucciavano, noi ci andavamo a prendere i Scirea, i Cabrini, i Bettega con cui abbiamo preso a schiaffi il mondo per i successivi dieci anni.
Quindi, sangue freddo. Tranquillita’. I tifosi (ma dove sono poi…) non accettano? Cosa non accettano? Ho tifato Juve nel modo piu’ sanguigno negli anni in cui schieravamo, senza vergogna alcuna, gentaglia come Alessio, Tricella, Bruno e Fortunato. Anni in cui le prendevamo a destra e a sinistra (nell’ordine, cacciati dal Genoa, DAL GENOA!!!, dalle Coppe, dalla Roma, DALLA ROMA!!!, dalla Coppa Italia, massacrati dal Napoli di Maradona, 3 a 5, dal Milan di Sacchi, 0 a 3… potrei continuare per ore…). Adesso c’e’ una situazione un po’ inquietante ma nulla di che. La squadra e’ al quarto posto (forse al quinto ma non facciamo drammi per questo…). Gli Ultra’ chiedevano lo Scudetto? Gli Ultra’ non capiscono un cazzo di calcio se pensavano che con questa difesa, con Cannavaro, Legrottaglie e Grosso si potesse vincere contro l’inter. A proposito, se devo muovere un appunto alla Dirigenza, e’ proprio nella campagna acquisti difensiva. Insomma, qualche giovane non male in giro c’e’. Un po’ di coraggio in piu’ non sarebbe guastato.
Ma non e questo il punto. Il punto e’ che noi siamo la Juve anche e soprattutto perche’ si puo’ sbagliare. Possiamo permettercelo. Una stagione di merda? Due? Tre? E chi se ne frega!?! L’isteria, tipicamente interista, non e’ nel nostro DNA. Campagna acquisti totalmente sbagliata? Non scherziamo. Bisogna recuperare assoltamente quei giocatori su cui si e’ investito molto. Parlo, in primis, di Diego. Non sara’ Zidane ma qualcosa di buono lo potremo tirare fuori da lui. Parlo di Melo. Va bene, e’ un atleta di Cristo e solo per questo meriterebbe la Garrota ma tanto scarso non sara’ se gioca nella Selecao. Allora, al lavoro. Dentro anche i famosi giovani. Si i giovani che hanno rotto er cazzo pero’. E’ ora che facciano vedere qualcosa (parlo di quel coso che si chiama Giovinco, che sono 4 anni che si lamenta perche’ non ha spazio ma poi quando gioca fa ridere…). Parlo di De Ceglie che e’ sempre infortunato (non male, anche noi abbiamo il nostro Aquilani…). Parlo di Marchisio (il De Rossi juventino… si, vabbene…).
Insomma, sereni. Non possiamo ridurre tutte le risposte ai nostri problemi al licenziamento dell’allenatore. Non siamo l’Inter, ripeto. Non siamo la Roma.
Dai, non puo piovere per sempre. Tranquilli. Qualche acquisto serio, ponderato (oggi schieravamo un tale Paolucci, siamo seri…). E soprattutto ricordiamoci chi siamo e da dove veniamo.
Secondo i miei calcoli, l’Inter non ci recuperera’ prima del 2020… Abbiamo tempo.  

Annunci

2 Risposte to “Juventus”

  1. gau Says:

    E smettila di dire "non siamo la Roma"..

  2. utente anonimo Says:

    miiiiii… oggi sei incazzosissimo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: