Il casotto

E’ un periodo di inquietanti telefonate intercontinentali con Gau che, secondo me, non paga le bollette da mesi e gli hanno staccato la corrente (non si spiega altrimenti la scena che mi appare ogni volta che risponde… niente luce, il volto sfocato, sullo sfondo una porta semichiusa… sembra Resident Evil!). Ci vuole poco per farlo incazzare. Basta chiedergli un commento su questo paese ridicolo, con metà popolazione che si interessa di come scopa il Primo Ministro, dell’altra metà che cerca pateticamente di "scusare il Primo Ministro" (cosa peraltro non richiesta) e nessuno che si chieda che cazzo di fine faremo con questa informazione di serie Z, con questi politici di mezza tacca e con questa opinione pubblica di merda.
Proprio nessuno? Me sa de no…
Si sa il vecchio Facci è un nostro idolo. Poi, da quando lo hanno cacciato dal Giornale (sembra per vecchi rancori mai sopiti con Feltri) è tornato in forma come sempre.
Grande.

Intanto a Kabul

di Filippo Facci

In sintesi Vittorio Feltri, che era direttore di Libero, ora è direttore del Giornale e ha raccontato che il direttore di Avvenire, Dino Boffo, è un molestatore; la vicenda era già stata raccontata sommariamente da Panorama, diretto da Maurizio Belpietro, che ora però è direttore di Libero; la vicenda di Boffo, ormai ex direttore di Avvenire, è stata ri-raccontata anche da Panorama non più ditretto da Belpietro – che era già direttore di Libero – bensì da Giorgio Mulè, che era direttore di Studio Aperto prima che diventasse direttore Mario Giordano, a sua volta direttore del Giornale prima che arrivasse Feltri che a suo tempo era stato sostituito da Belpietro prima che Belpietro diventasse direttore di Panorama: il quale, in compenso, su Libero, ha raccontato che il direttore di Repubblica, Ezio Mauro, pagò un attico parzialmente in nero, vicenda che era già stata raccontata dal direttore di Italia Oggi, Franco Bechis, il quale doveva diventare vicedirettore del Giornale ma poi è diventato vicedirettore di Libero: vicenda che oltretutto – quella di Ezio Mauro evasore fiscale, ma anche quella di Dino Boffo – l’Unità e Repubblica considerano una ritorsione di Berlusconi per via della campagna di Repubblica, querelata da Berlusconi assieme all’Unità, che intanto si chiede: che farà Santoro? Marco Travaglio, intanto, prepara un nuovo quotidiano, mentre Gianfranco Fini, dopo l’annunciata querela di Dino Boffo contro Vittorio Feltri, ha querelato pure lui Vittorio Feltri che però aveva detto «le querele si fanno, non si annunciano» anche se due anni fa aveva annunciato querela contro Milena Gabanelli di Report, la quale, pochi giorni fa, ha lamentato che le querele contro Report non verranno coperte dalla Rai, azienda che, un anno e mezzo fa, annunciò querela contro Vittorio Feltri per la pubblicazione di un’organigramma politico dei dirigenti Rai, azienda che, due anni fa, ha querelato anche me per dieci milioni di euro, con ciò impedendomi di andare ad Annozero a confrontarmi con Marco Travaglio, che un anno e mezzo fa ha querelato Giuseppe D’Avanzo di Repubblica per una faccenda di cattive frequentazioni siciliane, già coautore – D’Avanzo – della campagna su Noemi & Escort ai danni di Silvio Berlusconi, che ha querelato Repubblica (e l’Unità, dove scriveva Travaglio) dopo che Repubblica aveva querelato Berlusconi che aveva invitato a non fare inserzioni su Repubblica. Uh, dimenticavo: due anni fa Vittorio Feltri mi ha querelato. Poi l’ha ritirata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: