Eluana sfascia lo Stato?

Lasciamo da parte lo straordinario titolo di quei folli di Libero (va detto, tra parentesi, tra i pochi a comprendere la reale portata della vicenda). Mettiamolo da parte. Mettiamo da parte quel troglodita del nostro Premier. O quell’imbecille del Primo Ministro Ombra. No. No, caro Veltroni (o caro Grillo o caro Mauro scegliete voi…). Qui non si tratta di una crisi istituzionale. Nessun golpe alle porte (come ha scritto una francamente delirante collaboratrice di Macchianera…). Nessun attacco alla democrazia (questo lo ha detto Grillo ma lui non fa testo… è malato e bisogna aiutarlo). Qui semplicemente c’è un Premier incapace di ogni cosa. Non solo quindi di governare (non male se ci pensate che ha governato questo paese per quasi 8 anni dal ’94 ad oggi) ma anche di prendersi sulle spalle una decisione tremenda (andare contro una delibera discutibile di un Tribunale). Lo fa a suo modo. E cioè nel modo piu’ ridicolo (con commenti sull’aspetto fisico e sulle capacità procreatorie di una paziente…).
Se non fossi sfiduciato e soprattutto non fossi di guardia lo andrei a gonfiare di mazzate. 
Comunque ha ragione Gau. Massimo rispetto per Napolitano. Hai visto fratellino? Zitto, zitto, si sta affermando un Presidente ottimo. Meno scocciato di Cossiga. Meno mediocre dell’inqualificabile Scalfaro. Meno volubile del mitico Pertini e soprattutto meno patriottico di quel rompiballe di Ciampi. Bravo Presidente. Niente cazzate e la Costituzione al primo posto. Continui così.
Via. Finiamola così. Insomma chi ha ragione? Chi torto? E’ durissima fratelli.
Ma una sola cosa ve la dico. Un medico che toglie liquidi e cibo ad una paziente fa eutanasia. Una volta per tutte. Le parole sono importanti ed è ora che non ci nascondiamo dietro a frasi di circostanza.
Come paese siamo pronti a definire legale l’eutanasia? Rispondete a questa domanda. E soprattutto rispondete alla domanda che mi pongo, da medico, ogni giorno: ce la farei io a stare li a guardare una situazione del genere? Il caso Welby, richiamato ogni giorno con incurante ignoranza, è un caso diverso. Lì c’era un malato cosciente di una malattia gravissima e tremenda da tollerare che chiedeva di farla finita. Da specializzando ho visto pazienti con malattie simili a quella del povero Welby e pregavo la notte di non trovarli vivi il giorno dopo. Ma poi ci sono malati con la stessa malattia che non ci pensano proprio a morire. E allora chi ha ragione dei due? Tutti e due è una risposta del cazzo pensando che la vita, da laico non è di Dio, ma MIA e ci faccio quello che cazzo mi pare?!? Attendo risposte.
Dicevo comunque che il caso Englaro è molto diverso. Ricordatevi che qui c’è qualcuno che non pensa, non ragiona, non sa e non può esprimere nulla. E’ durissima, lo ripeto.
In conclusione cosa insegna questa storia? Che bisogna decidersi. Una volta per tutte. Siamo uno Stato laico in cui non esiste alcuna legge se non il buon senso delle persone o siamo uno Stato cattolico. Perchè è inutile che adesso rompiamo i coglioni ad Avvenire. Per i cattolici la vita è IL dono di Dio. Anche la mia. E quindi è intoccabile.
Lo stato, la politica agisca, faccia leggi, si prenda delle responsabilità (unico elemento che apprezzo nella follia di Berlusconi).
Non possiamo giocare a decreto si/decreto no sulla vita e sul dolore di una famiglia.
Ci dovevamo pensare prima.
Ora è tardi. Purtroppo.

Addio Eluana.
Condoglianze Signor Englaro.

Annunci

5 Risposte to “Eluana sfascia lo Stato?”

  1. utente anonimo Says:

    Grandissimo.
    Vale

  2. gau Says:

    Bravo fratellino. Lucido e profondo.
    Ai tuoi giusti quesiti mi permetto di rispondere con le parole di Giovanni Reale, uno dei più grandi filosofi viventi. Sottoscrivo la sua posizione parola per parola.

    http://www.corriere.it/cronache/09_febbraio_07/sopravvivere_contro_natura_eluana_reale_4b2f63b8-f4ef-11dd-a70d-00144f02aabc.shtml

  3. gau Says:

    Avrete certamente letto le parole del Premier secondo cui nell’elaborare la Costituzione “i costituenti sono stati influenzati dalla costituzione russa”. Non commento. Credo che perdere il senso della realtà sia la più grande sconfitta per un uomo politico.

  4. kolchoz Says:

    Sulla Costituzione filosovietica, potrebbe essere una freccia nella faretra di chi non la vuol toccare…..
    per quel che riguarda Eluana condivido in parte la tesi del Reale. MI spiego: il mantenere in vita ricorrendo alle tecnologie per regalare una vita senza speranze di miglioramento è un costringere una persona a vivere contro ogni volontà (forse la propria, sicuramente quella della Natura, del Destino, di Dio… a seconda delle credenze). Ovviamente mi discosto dal NO all’Eutanasia: secondo me la democrazia è aggiungere, e aggiungere la possibilità di scegliere la via della dolce morte è un arricchimento per il Paese (scelta sia ben chiaro esclusiva del futuro malato, mai per ragioni economiche o esterne alla volontà dell’individuo!) Non sapevo come Giovanni Paolo II avesse fatto la stessa scelta di Piergiorgio Welby.

  5. kolchoz Says:

    comunque credo che sia giunto il momento di regolamentare la materia eutanasia, accanimento terapeutico e vita oltre ogni aspettattiva. Ha ragione Marish quando dice chiaramente che chhi stacca la spina a Eluana fà eutanasia…. ma l’eutanasia in Italia è molto più diffusa di quanto si creda (come ebbi modo di scrivere), e l’unica colpa della famiglia Englaro è quella di voler agire secondo la legge!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: