In piedi! (Get up!)

“What did you say to the kid? ..It ain’t about how hard you hit… It’s about how hard you can get hit, and keep moving forward… how much you can take, and keep moving forward…get up! …get up!”
Sylvester Stallone, "Rocky Balboa", 2006. Ultimo round dell’incontro Rocky Balboa vs. Mason Dixon
Secondo consiglio.
Avete presente Rocky Balboa? Sì, proprio il sesto ed ultimo episodio della saga di Sylvester Stallone. Ne avevamo già parlato. Bene.
Film generoso, di cuore. Senza alcuna pretesa se non quella di lasciare all’affezionato pubblico dello "Stallone Italiano" un buon ricordo ed un dolce sapore in bocca.
Ma nel decimo ed ultimo round dell’incontro che rappresenta il clou della pellicola, tra l’altro girato con sopraffina tecnica cinematografica, c’è una scena che merita di essere ricordata. Un pugno di fotogrammi che vanno impressi nella mente.
Scosso da un colpo del più giovane campione del mondo, il vecchio leone vacilla, si appoggia al tappeto con un guantone, sta per cedere. Ma, dopo aver passato in raasegna in flashback le immagini delle persone care che la vita gli ha tolto (la mitica Adriana, il grande Mickey, Apollo Creed), il vecchio leone mormora a se stesso le parole che ha rivolto a suo figlio per spronarlo a prendere in mano il suo destino senza trovare scuse o rifugiarsi dietro l’ombra proiettata dall’ingombrante nome del padre.
Non importa quanto forte colpisci nella vita. La cosa importante è se e quanto sai incassare i colpi che la vita ti infligge, trovando la forza di rialzarti e ripartire.
Questo, grosso modo, il sunto. Che suona un po’ come la frase che le nostre/vostre (le mie di sicuro) compagne di classe delle medie e del liceo scrivevano sul diario tra una foto di Bon Jovi e un memo per l’appuntamento col ginecologo. "Non è forte chi non cade mai, ma chi dopo essere caduto sa rialzarsi". Triste vero? Già.
Ma Stallone ci aggiunge un colpo di genio. Due parole, pesanti come un macigno. "Get up!". Il doppiaggio italiano è, se possibile, ancora più evocativo. "In piedi!" Lo dice due volte. Pensateci. La frase delle compagne delle medie e del liceo è la boutade di un simpatico sfaccendato che si limita a guardare tutto dall’alto o dal di fuori, che parla "in generale", che sa di dire una "massima", qualcosa di cui la Perugina si invaghirà avidamente per riempire le cartine dei suoi cioccolatini. Fredda. Senz’anima. E perciò inutile.
Lui no. Lui ci aggiunge lo slang di Philadelphia. La rende popolare. Umana. E ci aggiunge un imperativo rivolto a se stesso. Solenne. Duro. Scarno. Efficace. Guardate la faccia di Rocky e quella del suo avversario un attimo dopo che il vecchio leone si è rialzato. Non strafottente, ma consapevole la sua faccia. Sorpresa, smarrita ma reconditamente ammirata quella di Dixon.
Obbedire a se stessi. Avere una coscienza che si fa sentire, talora imponendosi. A costo di fare i moralisti con il proprio io fino a divenire i suoi aguzzini. Questo dice Rocky Balboa.
La cosa drammatica è che per sentire un invito così alto e forte occorre andare al cinema a vedere un sessantenne italo-americano che tira cazzotti, perché nelle sedi più appropriate non lo dice più nessuno.
Al massimo, potrete sentire qualcuno che – credendo di parlare con persone che non hanno visto Rocky Balboa – vi citerà con sufficienza la frase delle compagne delle medie e del liceo.
Se è così, non curatevene. Ricordate che voi avete una coscienza. Qualcosa che al momento opportuno vi urla "in piedi!". A voi lo ha rivelato, nell’assordante silenzio generale, uno che vota Mc Cain, tifa Everton (!) e rimpiange di non essere riuscito a fare un film su Ken il Guerriero.
 

Annunci

2 Risposte to “In piedi! (Get up!)”

  1. meryem Says:

    Non importa quanto forte colpisci nella vita. La cosa importante è se e quanto sai incassare i colpi che la vita ti infligge, trovando la forza di rialzarti e ripartire. Questo insegna il pugilato. Stallone lo ha tradotto in pellicola. Da cinefila posso dire che questo è un gran bel film, sul pugilato (un pò fantasioso: chi combatte dopo i quaranta?), e sulla vita, alla faccia di tutti gli scettici!

  2. gau Says:

    Brava Meryem. Il film è piaciuto anche a noi, anche nelle sue sgangheratezze.
    Se ti interessa, ecco ciò che ne scrivemmo…
    http://duebalordi.splinder.com/post/10559100/Rocky+Balboa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: