Che Guevara II parte. Da Rivoluzionario a Icona a Velina!

CheTutti quanti sappiamo chi era il "Che". Sostanzialemte un rivoluzionario, anzi, forse, l’unico rivoluzionario del Secondo Dopoguerra. Oggi come oggi è entrato nella mitologia collettiva, un’autentica icona pop, forte di una biografia e di un’iconografia che ha tutti i requisiti per conquistare le masse. Un dottore malato di asma, figlio della ricca borghesia argentina che un giorno lascia tutto, si mette tutto alle spalle per andare nei posti più impervi della terra a risollevare i poveri e gli oppressi delle aree più disagiate del pianeta, con la forza delle idee e delle sue poesie. Un uomo bello come il sole, giovane, ricco di personalità, immortalato nel 1960 in una fotografia che ne esaltava i tratti latini mischiati al fascino esotico dei lineamenti indios dei nativi americani…eternizzato in una morte mediatica: nella foresta, tradito da quegli stessi contadini che lui stesso voleva aiutare, venduto alle spie della più grande potenza militare del mondo che, non contenta, ne ha usurpato il corpo, staccondogli le mani, ma che non si è accorta che nell’esporlo cadavere lo ha elevato al rango di semidio, permettendo che venisse fotografato in un’altra indimenticabile fotografia, disteso sul lettino, ripreso dai piedi, con in bella mostra il suo volto coperto dall’immancabile barba della guerriglia cubana, il corpo deturpato e offeso dai proiettili che (paradosso del destino) ne hanno colpito il costato…insomma una riedizione del XX secolo del Cristo Morto del Mantegna. Come accadde con Elvis Presley e con Marylin Monroe fu la morte a salvare Che Guevara, a farlo uscire dalla storia e farlo entrare, di diritto, nella leggenda. Però l’uomo, che pur vive di miti e leggende, vive nella storia ed è giusto, affinchè non si cada nell’oscurantismo della religione e delle supestizioni, ricondurre anche le biografie più illusutri nell’alveo storiografico.Purtroppo l’essere icona pop ha destrutturato la figura reale e le azioni di Ernesto "Che" Guevara, rendendolo "buono per tutte le stagioni": un riformatore agrario, un amico degli oppressi, un anarchico che ha rifutato il potere a Cuba per inseguire un sogno, un buono, un’immagine da sfoggiare sulle magliette. Geniale quello che gli farà dire Sabina Guzzanti in una sua "Imitazione": "Mi manca solo di apparire sulle patatine fritte!" Ma la sua fu una figura più controversa che, molto probabilmente, poco avrebbe avuto di amico degli oppressi oggi come oggi: sostanzialmente era veramente convinto che l’Unione Sovietica fosse il paradiso dell’uomo. Quando affrontò un viaggio a Mosca e gli fecero notare, i suoi accompagnatori, che c’era un enorme iato tra l’oligarchia al potere e il popolo, lui semplicemente negò. Minacciando di far mettere a morte chi osasse insistere su quest’ottica. Quando gli fu riferito delle tensioni tra Cina e URSS lui disse che non era assolutamente vero, un’invenzione degli Stati Uniti. Viveva nell’incubo degli omosessuali, che considerava una perversione figlia del decadentismo capitalista…essere omosessuale era sinonimo di essere nemico politico. Vedeva le donne come perfette donne di casa..riconosceva loro ogni diritto, tranne quello di lottare per i propri diritti. Odiava il femminismo. Era solito entrare nelle carceri dove c’erano i prigionieri politici del post-Batista, li metteva in fila e in modo del tutto discrezionale decideva chi mettere a morte e chi no. E spesso, un attimo prima che il plotone di esecuzione sparasse, cambiava idea! Purtroppo, nonostante, queste mostruosità, non era un mostro: era semplicemnte figlio del suop tempo. E’ per questo che da uomo di sinstra mi sento in imbarazzo nel vedere ostentata, anzi teificata, la figura del Comandante "Che". Perchè non riesco Elisabetta Canalisa capire come mai negli ultimi 40 anni non si sia prodotto qualcosa di più "attuale", eppure gli esempi e le figure ci sarebbero (Rigoberta Menchù, su tutti), la guerra fredda è finita e non ci sarebbe alcun problema a riconoscere che in quel periodo nell’alveo del comunismo si siano commessi crimini. Nessuno sottoporrebbe a "Damnatio Memoriae" Che Guevara, entrerebbe, come sarebbe giusto, nell’alveo delle figure importanti del comunismo mondiale, uno dei tanti, non "Dio in Terra". Certo Rigoberta Menchù non è una gran fica come Ernesto, non diventerà MAI sinonimo di scopate epocali per chi si ispira ai suoi canoni estetici, come avviene per i ragazzi che scimmiottano nell’estetica e nella poetica "Che" Guevara. Ma se questo è il problema, prendiamo a icona una Velina…non foss’anche perchè così arriviamo al XXI secolo!

Annunci

Una Risposta to “Che Guevara II parte. Da Rivoluzionario a Icona a Velina!”

  1. utente anonimo Says:

    INVITO.

    Il contenuto del blog.

    http://www.lemin.splinder.com

    Com’ero prima dell’inizio della storia nel 1990. L’inizio dell’incredibile storia. Nell’attesa della decisione giusta. L’ingresso del comandante maggiore dei servizi segreti romani. Violenza di stato 1. Il cattivo complotto! Analisi del caso! Salta il complotto. L’ingresso del cattivo sergente. Incredibile ma vero. La diplomazia preventiva. Il mio ingresso nel caos.Verso lo scontro. La mia reazione. In gita. La rappresaglia. Il cattivo piano. Trattamento crudele! L’obiettivo incastrarmi!Il sergente in azione! Si candida il comandante monarca!Nell’attesa del Governo della Destra!Riportare al comandante la sua guerra! L’assedio del comandante nel ministero della giustizia! Proposta indecente! Il calvario del comandante! La disperata Strategia di guerra!La logica della corruzione!Lo scontro con gli uomini del sistema! Violenza di stato 2.Il falso processo! La giustizia della giungla.Analisi di violenza di stato. La risposta del ministero della Giustizia! Il super complotto di stato! La svolta verso il peggio! L’articolo incriminato. I Telbani e diritti umani della donna. Commento del super complotto. Lettura libera 1. Violenza di stato 3.Diritti Umani 1. La fuga del cattivo sergente. Il maltrattamento. La stupidità dei furbi!La mia situazione sociale.Commento 1. L’arte per distruggere una persona!La disperazione del comandante. I loro commenti. Abusi di potere 2.Diritti umani 2 i loro commenti 2. Lo scoppio dello scandalo!I loro commenti 3.L’effetto del super scandalo!Per l’amore della patria!Dove è lo stato e la società civile?Offeso, ma non sono ferito!I Loro commenti 4. Il Colpo Grosso!Essere meno fascisti!La conseguenza della stupidità dei furbi! Lettura libera 2. Lettura libera 3.La storia del permesso di soggiorno italiano!Essere stranieri in Italia! Commento 2.Si è attenuata la mia reazione! Il colpo di Grazie!Lezione di democrazia!

    http://www.lemin.splinder.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: