I Radiohead sono grandiosi

in-rainbowsRoma, aeroporto dell’urbe, 18 settembre 1999. Concerto degli U2, Pop Mart Tour.

Grande atmosfera, Bono e compagni in buona forma sul palco, preceduti da Casino Royale e Howie B. Quasi centomila persone in delirio, solito disastro organizzativo (un fan deceduto, spettatori imbottigliati per ore prima di uscire, trasporti inesistenti).

Ma la cosa che io e marish ricorderemo per tutta la vita è la seguente. Nelle ore di attesa che hanno preceduto il concerto, un nostro amico fanfarone – reduce da anni di "studio" in Inghilterra – ci dà lezioni di conoscenze e gusti musicali. Alla nostra freddezza di fronte al nome Radiohead (bravissimi senz’altro ma all’epoca un po’ troppo cupi), lui ribatte fiero: "Non vi piacciono i Radiohead? MA SONO G-R-A-N-D-I-O-S-I!"

L’affermazione, di per sé discutibile ma non folle, assunse un effetto esilarante perché pronunciata con un tono di voce piccato, con un’aggettivazione lievemente esagerata e di fronte al mastodontico arco costruito sul palco del Pop Mart Tour. Tra le lacrime, ci immaginavamo che da un momento all’altro un’enorme scritta di pietra ed acciaio "RADIOHEAD" piombasse sopra le nostre teste annunciata da una voce cavernosa e profonda stile Bibbia.

Ebbene…

Il nuovo album della band inglese solo sul sito. Il costo? A piacere

Radiohead: scarica il cd al prezzo che vuoi

Il gruppo lancia "In Rainbows": o si compra un cofanetto lusso da 40 sterline o si fa un download "a offerta"

 

I Radiohead

Si chiama «Up to you» e significa «Sta a te». Un riferimento alla tariffa liberamente scelta dall’utente per scaricare l’ultima creazione dei Radiohead. E se la band di Thom Yorke ha fatto bene i suoi conti evidentemente l’operazione conviene: il loro nuovo album, intitolato In Rainbows, dal 10 ottobre sarà in…vendita sul sito web del gruppo a un prezzo deciso dal pubblico. Meglio, da ogni singolo fan al momento dell’acquisto. Valgono tutte le cifre, non c’è un minimo prefissato. E’ sufficiente andare sul sito e scegliere la modalità download. A questo punto si fissa il costo considerato equo, a propria totale discrezione, e si riceverà immediatamente un codice di attivazione che si potrà utilizzare dal 10 ottobre, data a partire dalla quale il settimo cd della band di Oxford sarà disponibile. Dai pochi centesimi al prezzo di mercato, l’operazione di e-commerce viene eseguita comunque con successo, qualsiasi cifra venga inserita.

VERSIONE LUSSO – Con i brani l’utente scaricherà anche la grafica di copertina e del cd, in modo da poter realizzare in proprio l’album completo ( anche se ovviamente si potranno anche metter i brani soltanto su un lettore mp3). È utile però sapere che la formula promozionale non è l’unica opzione offerta dal gruppo e che l’utente potrà anche scegliere di avere In Rainbows in formato discbox, ovvero un cofanetto di lusso contenente due cd, due vinili, testi, foto e storia del gruppo al costo, questo sì fisato e non trattabile, di 40 sterline. Insomma il gruppo inglese non conosce mezze misure e si rivolge un po’al popolo del download, poco esigente e solito a scaricare pezzi isolati dalla rete, e un po’al pubblico di collezionisti convinti, all’estremo opposto, quelli per cui i grandi artisti continuano a produrre su disco nero. La verità è che, come sostiene il manager della Esprit Records (uno dei più grandi distributori di dischi in Gran Bretagna) Simon Wright «i collezionisti sono una razza che ha bisogno di stringere qualcosa tra le proprie mani». Ma sono sempre meno. La gran parte dei fruitor non ha più bisogno ( o voglia) dell’oggetto disco. Ma evidentemente, a conti fatti, portano un vantaggio indotto all’industria musicale anche scaricando un intero LP a prezzi simbolici.

SENZA ETICHETTA – Resta il fatto che la band è da tempo senza casa discografica (dopo la chiusura del contratto con la Emi) e questa scelta molto moderna è sicuramente una conseguenza e una condizione al tempo stesso del loro essere orfani di una major. E mentre ci si chiede se l’inedito esperimento porterà o meno il successo sperato, una risposta comincia già a venire dai media: il tam tam, come fa capire anche il Wall Street Journal, che ha dato evidenza all’annuncio, è vistoso e corale, tutti ne parlano, gli accessi al sito dei Radiohead si moltiplicano. E le etichette tremano.

Emanuela Di Pasqua

…tutto sommato potrebbe avere ragione lui…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: