I balcani nel pieno dell’Europa?

belgiumNo. Non diciamo cazzate, su. Non è il caso.
Ma certo che se l’articolo del Guardian non dice tante cazzate è forse ora per l’EU, l’UE, l’Europa (chiamatela come vi pare…) di intervenire.
Il Belgio sta andando a pezzi. Frega a qualcuno? Se uno ragiona con i testicoli, no.
In fondo stiamo parlando, o no, di un paese letteralmente inventato dal nulla?
Così "per umiliare gli olandesi e per dividere tedeschi e francesi". Quelli del Guardian la fanno facile. Ma sotto, sotto qualcosa di vero ci fu. Un paese strano, diviso a metà tra due diversissime etnie che non parlano (e non hanno alcuna intenzione di farlo) la stessa lingua. Un nord prospero e laborioso ed un sud sfigato e statalista. In mezzo un Re (ma si può!?! nel 2000 un Re!) non proprio intelligente ed una cronica incapacità di trovare una via per un governabilità stabile. Insomma un bel casino.
Ad uno verrebbe da ridere. In fondo i Belgi sono i carabinieri dei Francesi e da noi vengono citati solo per la diossina nei polli e per le gesta di simpatici pedofili. Ma la realtà è un pò più seria. Ovviamente scordiamoci qualsiasi riferimento al nostro paese e a quei quattro contadini in giacca verde della Lega (lo faccio per evitare il solito millenaristico post di commento di Kolchoz sui "rischi per la democrazia nel nostro paese, sulla lezione belga, bla, bla", scusa piccolo, oggi no, oggi non ce la faccio). Il problema belga è serio. "Non esiste un politico nazionale…". Cioè se sei cristiano democratico fiammingo e vinci le elezioni ma non vai a genio alla parte del tuo partito vallone sono cazzi. Non puoi fare il Primo Ministro (è il caso di Yves Leterme). E’ così i partiti separatisti fiamminghi aumentano i voti e, in mezzo alla placida europa (che ha sempre più le fattezze di Homer Simpson spaparanzato nella piscina in giardino), insomma nel centro del nostro futuro di integrazione un paese sta per implodere. Così.
Puf. E’ sparito il Belgio.

Annunci

3 Risposte to “I balcani nel pieno dell’Europa?”

  1. utente anonimo Says:

    Mai e poi mai avrei pensato di sovrapporre il presunto secessionismo Legaiolo con le problematiche interetniche belghe. Anzi ti dirò di più…sarebbe pure una fine ovvia, perchè è l’unico stato europeo interetnico ancora esistente in Europa. Io, personalmente, direi una cosa, da storiografo: qualora finisse anche il Belgio, sarebbe proprio ora di non includere più il Congresso di Vienna tra la Storia Contemporanea. K

  2. utente anonimo Says:

    Lo farò sapere a Gentile. Sarà entusiasta. M

  3. utente anonimo Says:

    Si ma avvisa pure Croce…e non dimenticare Avenia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: