Archive for giugno 2007

Oh cazzo…

30/06/2007

Oggi giornata di sciopero dei nostri giornali.
Quindi cosa c’è di meglio che accorgersi (grazie al buon vecchio Guardian) che la situazione in Iraq sta diventando, di giorno in giorno, sempre più complicata…
della serie, ci mancavano anche i Turchi.

tur

Belinelli against the world

29/06/2007

magoE’ ufficiale.
Nella notte di ieri il talento di Basket City è stato scelto come 18° scelta (primo europeo e sono due anni di seguito!) dai Golden State Warriors.
Se va come Bargnani (ottime prestazioni prima dell’operazione e, soprattutto nel quintetto base dei rookie 2007) si comincia a sognare in chiave azzurra.

P.S. attendo da Gau un post più professionale ed appofondito sull’argomento.

Buona strada, Andrea – parte III

28/06/2007

Ve l’avevamo promesso.

Se mercoledì 4 luglio alle ore 18.30 siete a Roma o ci passate e avete un momento libero prima dell’aperitivo, potete fare un salto alla Sala Cristallo dell’Hotel Nazionale di Piazza Montecitorio. Andrea Iacomini lì presenta il suo libro, "Buona Strada", di cui vi abbiamo già parlato.

Dite che vi mandano i balordi.

E portate diecimila euro in banconote di piccolo taglio.

iacocapr

 

Questo è un genio!

28/06/2007

No, tranquilli.

Non parlo certo del nostro eroe Uolter. Ma di un mito (tale Klamm) che ha redatto un geniale quiz per capire se puoi diventare uno scrittore di "successo". In realtà lo potete utilizzare, con qualche modifica, anche nel caso sognate di fare gli "attori". Per capire basta leggere il nauseante articolo di oggi su quella miserabile di Asia Argento (a proposito complimenti al Corsera oramai relegato ad un livello talmente schifoso che, al confronto, Cronaca Vera sembra il Post).

Insomma fate il vostro gioco e vediamo un pò quale è il vostro futuro nel jet set.

P.S.: che centra tutto questo con noi tre? Gau non fare lo gnorri. Lo sappiamo tutti che il tuo sogno inespresso è di andare da Marzullo all’una ed un quarto a parlare del tuo libro di gran successo… 

P.S. bis: grazie a Leibniz per la segnalazione.

novità a sinistra (reprise)…

28/06/2007

Ecco l’unico, vero, autentico ed ineguagliabile verbo di "Uolter".

In esso è racchiusa anche l’esegesi dell’ultimo versetto del brillante post di kolchoz…meditate…

Buona visione.

Titolo del giorno…

28/06/2007

Senza ulteriori commenti…

brown

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Grazie a ilfoglio.it

 

novità a sinistra….

28/06/2007

E così mentre in Ighilterra arriva LUI flash_gordon, in Italia dobbiamo accontentarci di Lui mandrake1. Perchè si sa che se “ce vorebbe n’idea” delle volte abbasta sfoderà “er soriso maggico”.
Quindi nessuna preoccupazione: da ora in poi album panini finiti per tutti per decreto (se serve si può porre la fiducia), concerti a go gò (non è un milione di posti di lavoro, ma almeno per le cover band ci sarà da lavorare…) e soprattutto una nuova politica di approviggionamento energetico, grazie al ritorno al’energia idroelettrica garantita dalle numerose dighe costruite personalmente dal nuovo prestigioso memebro dell’esecutivodonchuck.
Quindi, capisco che avremmo tutti preferito LUI Nazzari2 ma dicono sia morto!

Daje, scalate un posto…

27/06/2007

27.06.2007, ore 18.

Il nostro superoe "Uolter" sta arringando la folla. Mille parole su "Dare nuovo slancio a…", "voglia di cambiare…", "una nuova politica…", etc. Intanto noi balordi non ci dimentichiamo che è in atto, da circa 15 anni, una demente concertazione sulle pensioni in cui, a occhio e croce, anche questa volta si arriverà alla conclusione simil-gattopardesca del "cambiare nulla per non cambiare nulla…".

06.27.07_scalone_m

P.S. offresi un rene per cinque anni di contributi. Offro tutti e due (rischio lo so, ma sono un medico e me la so cavare…) per almeno un anno di pensione "normale".

Telefonare ore pasti, no perditempo

P.S. 2 tenx to macchianera.it

Lucacordero e sindacati

26/06/2007

Quarto Stato"I Sindacati coprono i fannulloni nella Pubblica Amministrazione" non è una frase, è un terremoto! L’ho sentita, e la mia disciplina di partito mi avrebbe imposto (anche per il ruolo che ha Luca Cordero di Montezemolo…) di scendere in piazza, organizzare sit-in di portesta e, perchè no, provare ad incendiarmi su pubblica piazza tipo Ian Palak. Ma poi la coscienza mi ha fermato e ho cominciato a pensare e la rabbia è passata ed è subentrata la paura. Perchè quell’infelice sortita del capo dei padroni italiani è un sintomo, non la si può liquidare come una semplice bestemmia politica come hanno fatto frettolosamente molti politici italiani, è un sintomo di una brutta piega che sta prendendo il paese: molti lavoratori, specialmente tra le categorie più protette, stanno letteralmente abusando dei loro sacrosanti diritti… Quanti sono i dipendenti delle pubbliche amministrazioni che fanno i rappresentanti sindacali per 20/25 anni? Che con permessi, assemblee, riunioni…di fatto per anni&anni non si vedono sul posto di lavoro e ciononostante fanno delle carriere MOSTRUOSE? Tanti, troppi…era chiaro che la pentola a pressione alla fine scoppiasse: che arrivasse uno scemo qualsiasi e cominciasse ad attaccare il concetto di sindacato…ora anche Lucacordero ha cercato di mettere una pezza a colore, ma, purtroppo, quella era SOLO una pezza a colore. Quella frase, quel terremoto era l’occasione d’oro per la classe dirigente italiana per proporre e imporre una riflessione profonda sullo stato di corruzione e abuso dei diritti che si sta vivendo in Italia, anche perchè, purtroppo, la demagogia è una brutta bestia, anzj, peggio, è come una palla di neve su un piano inclinato: una volta che comincia a scendere accelera, cresce e diventa sempre più impossibile fermarla. Per questo ho avuto paura, perchè mi sono detto: oggi la voce contraria al sindacato nasce dalla categoria ad esso contrapposta, ma, a differenza del passato, trova un appiglio in dati di fatto marginali, ma concreti…domani può succedere che si colpevolizzino non solo i sindacati, ma anche i diritti da essi conquistati…per cui parte un’altra protesta come quella degli infermieri del San Filippo Neri di Roma che si mettono in malattia tutti insieme e si alza il primo stronzo (scusate il francesismo) che dice: "La colpa è delle malattie pagate"…che facciamo? Aboliamo il diritto alla malattia pagata perchè 100 infermieri ne hanno abusato? E se poi si abusa, che ne so, delle ferie: aboliamo pure quelle? Per cui, concludendo, la vera grossa delusione la ho avuta soprattutto da sinistra: nessuno, dico nessuno, che abbia colto la palla al balzo per chiedere, oltre alla doverose scuse di Lucacordero, un’inchiesta interna ai sindacati per stanare le pratiche abusive che al loro interno sono, in alcuni casi, così diffuse…proprio per evitare di dare argomenti, in futuro, a chi voglia attaccare l’idea di sindacalizzazione della classe lavoratrice!

Idoli da balordi – puntata n. 6

24/06/2007

Oggi ci meritiamo un’autentica lezione di vita.

Daje. Daje tutti.

Buona visione.