Anna Politkovskaja

Politkovskaja Russia di PutinMentre il mondo guardava preoccupato alla risposta nucleare all’aspirina della Corea del Nord all’elezione del ministro degli esteri sud coreano alla carica di Segretario Generale delle Nazioni Unite, la Russia di Putin, dell’”Amico Putin”, metteva a segno un colpo fondamentale alla lotta globale al terrorismo mondiale: veniva messa a tacere, per sempre, la voce di Anna Politkovskaja.
La nostra era un giornalista scomodo, di quelli dei quali si piange il progressivo venir meno, di quelli che quando muoiono non se ne accorge nessuno….
Nata dall’altra parte dell’ex blocco sovietico, a New York, nel 1959, decise di rinunciare alle libertà consumistiche del mondo capitalistico per andare a vedere se era possibile denunciare la mancanza di libertà in quello comunista. Visse da vicino il progressivo avvitamento del progetto comunista in Unione Sovietica, assistette e denunciò il caos totale degli anni della Perestrojka, cominciò a pagare con un progressivo mobbing sociale, fatto di calunnie e minacce, gli anni del banditismo dell’alcolizzato Eltsin, e infine divenne bersaglio facilissimo in questi anni di democrazia formale nella Russia dell’”Amico Putin”.
La sua fama, qui in Italia, è arrivata, alla fine del XX Secolo, grazie al miglior settimanale di politica e reportages, “Internazionale”. Chi abbia avuto la costanza di leggere questo periodico ha potuto conoscere, dalle testimonianze di Anna, gli orrori che le forze militari democratiche, della democratica e ordinata Russia di Putin, anzi dell’”Amico Putin”, compiono da anni e anni in Cecenia.
Se gli articoli della Politkovskaja, qui da noi, hanno prodotto riflessioni e conoscenza, in Russia, dove, invece, oltretutto,uscivano con cadenza quasi quotidiana, hanno sempre più dato fastidio.
Le minacce ai danni della Politkovskaja si sprecavano, le denuncie pure, ma queste, cadevano, regolarmente, nel vuoto!
Intanto l’”Amico Putin”, spalleggiato dall’”Amico Bush”, continuava nella sua opera di democratizzazione della Cecenia, con metodologie che, fino alla settimana scorsa erano a tutti ben note.
Ma Anna continuava senza paura, la sua fama cresceva vieppiù, anche e soprattutto tra le forze ribelli cecene, alle quali, comunque, non risparmiava critiche. Nell’ottobre del 2002 fu chiamata, dalle forze dell’ordine della democratica Russia dell’”Amico Putin”, a negoziare la liberazione degli ostaggi rapiti all’interno del teatro Dubrovka di Mosca. Non si è mai capito perché il negoziato fallì, ma, soprattutto, non si è MAI capito perché le forze militari russe, per liberare gli ostaggi ne uccisero più di cento!!!
Passarono due anni, e le forze ribelli indipendentiste cecene, decisero di suicidarsi politicamente, rendendosi protagoniste del peggiore atto della loro storia: il primo settembre 2004 fecero irruzione in una scuola di Beslan, durante la festa di inizio anno scolastico, e rapirono quasi tutti i bambini e gli insegnanti. Dopo giorni di terrore, molti ostaggi morirono…
Anna sapeva che non avrebbe mai potuto stare lontana da un atto simile, si imbarcò sul primo aereo che da Mosca la avrebbe avvicinata a Beslan. Non ci arrivò mai: durante il volo commise l’imprudenza di bere un bicchiere d’acqua offertole dalle solerti Hostess, era avvelenato!
Giorni di ospedale la tennero lontana da Beslan, ad altri suoi colleghi accorsi sul posto, fu vietato di avvicinarsi alla scuola con metodi più grossolani (evidentemente l’Aeroflot aveva finito il ratticida….): il risultato fu che nessuno ebbe la possibilità di raccontare come avvenne realmente il blitz all’interno di quella scuola!
Da allora le prudenze della Politkovskaja assunsero fattezze quasi maniacali: non prendeva, né lei né i suoi colleghi, nulla da bere sugli aeroplani di linea….narrerà di un viaggio alla fine del quale ebbe problemi seri dovuti alla disidratazione perché, prima di farla imbarcare, le sequestrarono le scorte idriche che era solita portarsi…
Alla fine la Democratica e Ordinata Russia dell’”Amico Putin” è riuscita a mettere a tacere la voce più scomoda che avesse….un altro colpo al terrorismo mondiale!  
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: