Un balordo ai Mondiali – parte I

E anche questi Mondiali (Campioni del Mondo!) ce li siamo sciacquati dalla palle! È stata un’edizione di discreto valore tecnico e straordinario valore organizzativo (rifatevi gli occhi con che cazzo di stadi i Tedeschi giocheranno l’anno prossimo la Bundesliga  e pensate all’Olimpico…).
Di seguito qualche commento in libertà sulle principali protagoniste, nazionale per nazionale, con rare note di sincera ammirazione in un mare magnum di stucchevole critica (leit-motiv del mondiale 2006 “…non è colpa mia se uno fa di tutto per ripetere gli stessi errori…”):
1. Francia: ha dimostrato, una volta per tutte, di rappresentare il movimento calcistico più forte in circolazione. Ad eccezione del ruolo del portiere (dove quella pippa di Barthez fa un figurone se paragonato ai terrificanti predecessori…) in ogni altra parte del campo i Bleus hanno impressionato soprattutto se prendiamo in considerazione l’elemento età. Ad un gruppo di meravigliosi senatori (non solo l’immenso Zidane ma anche lo stupendo Thuram della finalissima) Domenech (un applauso convinto per come ha incartato gli azzurri – Campioni del Mondo!) ha potuto accostare sia un ottimo gruppo di consolidate certezze come Henry (migliore attaccante del mondo, PUNTO), Gallas e Sagnol (mia personale sorpresa) ma soprattutto uno spettacolare nugolo di ragazzini che hanno impressionato, non solo per la classe e per la straripante condizione atletica, ma anche per una enorme personalità (cito a memoria Ribery, Malouda e l’incredibile Diarra della finale). È stata questa secondo me la loro forza. L’Italia (Campioni del Mondo!) ha retto l’urto con signorile maestà ma il confronto fra le due rose mi è parso ingeneroso.
2. Germania: ha sfruttato fino in fondo l’abbrivio emozionale di giocare in casa ma la cruda realtà è che è una nazionale penosa con, troppi vecchi imbolsiti (Ballack) o pippe dichiarate da tempo (Lehmann… ma si può!) e troppi (troppi…) giovani mediocri (Schweinsteiger…). Un applauso comunque alla pantegana Klinsmann che si è dimostrato un bravo tecnico di uomini e sulle cui spalle va almeno il 95% dei meriti dell’insperato risultato dei teutonici.
3. Argentina: hanno superato ogni limite. Mea culpa per il precedente giudizio sul centrocampo (Maxi Rodriguez e Mascherano sono due ottimi elementi…) ma per il resto abbiamo ammirato la solita problematica, incompiuta, nevrotica, melodrammatica Argentina: squadra fortissima, giovani dall’impatto ineguagliabile (Messi ha giocato poco ma per quel poco che ho visto mi è sembrato uno pauroso!), discreti veterani (molti dei quali sopravvalutatissimi… un nome su tutti Crespo) ma, su tutto come sempre, una incapacità oramai sindromica nel gestire i momenti topici del Mondiale (insomma farsi buttare fuori da una Germania ridicola  a dieci minuti dalla fine per lo più in vantaggio…).
4. Brasile: è stato semplicemente commovente. Spero che abbiamo intuito (almeno stavolta…) dove risiedano i loro maggiori problemi (primo non si va ad un Mondiale con un Amministratore di Condominio in panchina e poi, nell’ordine, la solita insopportabile strafottenza e la ridicola ignoranza tattica). Non ho speranze comunque. Dopo Francia-Brasile (che partita! chiunque capisca di calcio non può aver avuto un orgasmo sul gol di Henry, libero di tirare da solo su calcio piazzato…) l’impressione che ho avuto a caldo è che nella squadra carioca vivacchino troppi giocatori capaci di fare tutto con il pallone tra i piedi ma, allo stesso tempo, assolutamente ignoranti su come si gioca al calcio (contro la Francia al posto di Ronaldinho tanto valeva schierare una foca da circo…).
5. Inghilterra: mi è dispiaciuto perchè non erano malaccio ma hanno pagato a caro prezzo, da una parte, la sfortuna di troppi infortuni ma, dall’altra, l’oramai insopportabile incapacità nell’insegnare ai propri giocatori le minime norme di convivenza civile (vd. Rooney).
6. Portogallo: vale lo stesso discorso dell’Argentina: BASTA! Se non risolvete i vostri atavici problemi, se non tirate fuori un attaccante perlomeno al livello di Rebonato (chi se lo ricorda?) non vi presentate più! Ci siamo rotti di perdere 5 minuti della nostra vita ogni 4 anni a chiederci dopo avervi visto perdere una semifinale come deve ci si deve sentire a perdere sempre per un nonnulla, per un rigore, nonostante “…i Lusitani abbiano fatto vedere un ottimo gioco, grande possesso di palla, abbiano presentato almeno due-tre giovani interessanti…”. BASTA, vi prego!
7. Spagna: per ultimi. Fatemi sfogare contro una nazionale ed un popolo che merita tutti i sberleffi possibili. In Spagna ancora si domandano come sia stato possibile che, per l’ennesima volta, non siano riusciti a vincere il mondiale con lo squadrone che avevano… mio dio perdonali! È inutile. Fargli notare che battere l’Ucraina (oh, l’Ucraina…) al debutto 4-0 non significa avere accesso alla finale di diritto. Mandare in campo 11 sopravvalutatissimi “campioni” (qualcuno vuole paragonare Casillas e Puyol con Buffon e Cannavaro? Campioni del Mondo!), schierarli con un risibile 4-3-3 con difesa a zona a centrocampo può forse funzionare con i Tunisini ma riproporlo contro Zidane ed Henry non è nemmeno strafottenza è semplicemente idiozia! Buon tutto, vi aspettiamo al prossimo ed ennesimo mondiale con partenza a razzo, titoloni del Marca e delusione per l’incomprensibile finale…

Ah è vero, dovrei parlare degli azzurri (Campioni del Mondo!) ma sono morto, non ho più voce e quindi nemmeno tante parole… le ultime però le spendo per Marcello Lippi (un mito, VERO, Campioni del Mondo!) che, insieme a Domenech, ha dimostrato come i Mondiali si vincano puntando su campioni “veri” (Cannavaro, Thuram, Zidane, Buffon, Pirlo…) ma soprattutto su giocatori vogliosi di fare e con due palle così (Grosso, Ribery, Gattuso, Diarra…). Su tutto poi il coraggio di lasciare, se necessario, a casa “campioni” la cui  inaffidabilità è certificata (Cassano, Panucci, Pires…).05

Se qualcuno lo spiega agli brasiliani… 

Ah! dimenticavo, Campioni del Mondo! 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: