Goodbye Lenin!

sparwasser-tor









Fra pochi giorni partirà la grande kermesse commercial-calcistica di Germania.

Non è la prima volta che alcune regioni del paese di Marx e Kant, di Hegel e Honeker ospitano i mondiali di calcio, per altre località, invece, è la prima volta.

Nel 1974 il Mondo era diviso in due da una assurda guerra fredda, durante la quale due superpotenze, per paura di essere bombardate dal “Nemico” si bombardavano da sole, durante la quale anche la minima fesseria inventata dall’uno, piuttosto che dall’altro, anziché diventare uno strumento messo a disposizione dell’umanità, nella sua totalità, era SOLO uno strumento per il discredito dell’altro…ecco in questo clima, per decisione della capitalistica e filo Statunitense FIFA, si svolsero i mondiali di calcio solo nelle regioni occidentali della Germania, escludendo, invece, i Land che, oltretutto, ospitavano la Capitale di quello stato che da sempre ha contribuito al progresso civile del continente europeo.

Ma spesso, nella viscida logica delle democrazie borghesi, c’è  posto persino per l’elemento “altro”, accettato SOLO come elemento folcloristico, ed è per questo che, in occasione di quei mondiali di calcio, e solo per quei mondiali di calcio, la FIFA concesse anche alla nazionale rappresentante la Germania “di serie B” di partecipare alla sua massima manifestazione commerciale.

Nelle logiche “normali” c’era il derby delle due Germanie, o derby del muro: tutto era pronto perché i 22 atleti si scornassero sul campo come tragiche comparse di uno spettacolo spettrale che INEVITABILMENTE avrebbe dovuto portare spargimento di sangue, botte da orbi e la vittoria della Germania, quella vera, quella di Adenauer, che avrebbe, però, riconosciuto l’onore delle armi ai fratelli orientali, “dai quali siamo separati da assurde logiche politiche internazionali”.

E’ inutile dilungarsi sul fatto che quelle “Assurde logiche politiche internazionali” sono state volute proprio dai rappresentanti dell’occidente capitalista, quando decisero di riarmare una parte della Germania, oltretutto in logica antitedesco-orientale (insomma la volontà di trascinare la Germania nella guerra civile…); ma torniamo al calcio: il destino e lo sport, spesso, sono cinici e bari, e quel 22 Giugno 1974 la Germania di serie B, quella sfigata, quella della Stasi e del doping di stato (oddio che effetto parlare oggi di doping e partite truccate in Italia…) aveva tra le sue fila tale Jurgen Sparwasser. Nessuno, in occidente, conosceva questo agile atleta del Maclemburgo, d’altronde la Oberliga era considerata la Peste del calcio europeo, non la si doveva vedere, non la si doveva studiare…eccola lì: Jurgen Sparwasser si incunea nella linea difensiva della Germani Occidentale, guidata da uno dei più grandi difensori della storia, Franz Beckenbauer, e con un intervento in scivolata fa secco Sepp Mayer in uscita. 1-0 per la Germania Orientale e fine dei giochi. Non sappiamo e non sapremo mai cosa pensarono gli spettatori assiepati sugli spalti dello stadio di Amburgo, quanti di loro avevano cugini, zii, amici di vecchia data dall’altra parte del confine, quanti di loro si sentivano col cuore berlinesi, di Dresda, e non sappiamo nemmeno quanti dei tifosi della Germania Orientale giunti ad Amburgo stessero pensando ad amici e parenti rimasti nella parte occidentale della Germania; in compenso sappiamo quello che avvenne: la Germania Orientale vinse il girone, la Germania Occidentale vinse il Mondiale.

Jurgen Sparwasser tornò in Germania Orientale accolto, giustamente, come trionfatore: ma trionfatore di cosa?

L’establishment occidentale bollò quel trionfo come una pubblicità ideologica del Partito Socialista Unitario Tedesco: in parte, sicuramente, fu così; ma lì dietro c’era sicuramente l’orgoglio di un popolo che finalmente vinceva nei confronti di una classe dirigente, quella di Bonn, che lo bollava come una massa di sfigati verso i quali muoversi con compassione e pietà…”poverini, sono costretti a comprare le Trabant, i pisellini Globus e a cibarsi noiosissimi dibattiti televisivi sull’ideologia marxista-leninista. Vuoi mettere con la fortuna dei tedeschi dell’Ovest che possono scegliere tra un partito cattolico-confessionale e uno nazista, tra una Golf o una Polo (da notare che la Volkswagen aveva la sede originale nei territori orientali, poi è stata misteriosamente portata in Occidente….) oppure tra un panino di McDonald’s e un bicchiere di Coca Cola?”. Invece quel 22 Giugno 1974 il Mondò vide sovvertito l’ordine “naturale” delle cose: gli sfigati, i repressi, i morti di fame avevano battuto i belli, ricchi e liberi occidentali.

Ma in quel trionfo non c’era e non voleva esserci alcuno spirito nazionalista, non appartiene alla tradizione comunista, ma SOLO lo spirito di chi poteva dire anche al mondo occidentale: “Ricordatevi che esiste una realtà anche qui, siamo vivi ed intellettualmente vivaci…e non diamo spazio a partiti nazisti!” Una Germania orientale bellissima che, forse, nell’unica volta nella sua storia era quella sognata dai padri fondatori che, nel 1948, avevano sognato e visto, almeno nelle loro menti, un paese concorde, unito nell’intento di superare insieme le inevitabili difficoltà della ricostruzione postbellica e del successivo progresso, senza oligarchie dominanti e proletari oppressi, nel quale la cooperazione sociale ed economica fossero l’alfa e l’omega del pensiero politico comune…un paese che è esistito due volte: il 22 Giugno 1974 e nel film “Goodbye Lenin!”….e che forse esiste ancora, almeno nelle menti libere, di chi ha amato la Germania dell’Est e che nei tragici giorni dell’autunno 1989 ne chiedeva la riforma, certo non la fine!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: